Meran

Meran

Meran

Meran

Meran

Meran

Bozen

Bozen

Bozen

Bozen

Brixen

Brixen

Brixen

Brixen

Brixen

Brixen

Brixen

Brixen

Brixen

Brixen

Bruneck

Bruneck

Bruneck

Bruneck

Bruneck

Bruneck

Bruneck

Bruneck

Meraviglie culturali

Bressanone/Novacella, Bolzano, Brunico e Merano

La regione ha un ricco patrimonio culturale - fusione tra regioni alpine e italiane. In un indimenticabile mix tra flair mediterraneo e paesaggi alpini un esperienza altoatesina regala gusto, stile di vita e avventura.

 

Top 4 meraviglie culturali a Bressanone e Novacella

  • il convento di Novacella, racchiude la chiesa in stile rococò con mostre di arte e storia del periodo gotico. Info qui.
  • il museo diocesano, fu residenza del vescovo di Bressanone, si pregia di opere di artisti tirolesi del 19. secolo. Info qui.
  • la via crucis di Bressanone, costruita nell' anno 1200 per dare significato alla città. Info qui.
  • la cattedrale barocca di Bressanone, simbolo della città. Info qui.

Bressanone e Novacella distano ca. 6 chilometri dall' hotel dei minerali di Naz. Offriamo volentieri altri consigli e più possibilità nei dintorni.

Fotografia: Dorena wm e Clemens V. Vogelsang
 

Top 5 meraviglie intorno a Bolzano

  • Messner Mountain Museum, luogo d'arte e di storia della montagna in un contesto unico di stile e posizione al castello di Sigmundskron. Info qui.
  • Ötzi Museum, dedicato a una delle più significative mummie del mondo " Ötzi - l'uomo dei ghiacciai". Info qui.
  • Museo d'arte contemporanea dell'Alto Adige MUSEION, inaugurato nel 2008. Info qui.
  • "Il castello degli affreschi", castel Roncolo, il romantico castello con uno dei più grandi cicli di affreschi profani del mondo. Info qui.
  • castel Flavon, ottimale per un pranzo a base di specialità sudtirolesi da godere su una terrazza al sole dalla quale si gode un panorama sulla città di Bolzano. Info qui.

Bolzano è situata a 47chilometri di distanza  dall' hotel dei minerali. Forniamo eventuali altri consigli e possibilità di offerte nelle vicinanze.

Fotografia: Michael Behrens e Siegfried Rabanser
 

Top 5 meraviglie nei dintorni di Brunneck

  • la chiesa parrocchiale, in stile neoromanico a Brunico con abside gotica e galleria degli avi.
  • la chiesa delle Orsoline, raccoglie gli affreschi del 1420 di Giovanni da Brunico.
  • le pirmidi di terra di Perca, con il loro continuo cambiamento in nedie andauernde Verwandlung mit neu sich formenden Säulen, besonders imi Winter und Frühling.
  • Schloss Bruneck, das historische Symbol der Stadt
  • il museo di arte popolare a Teodone, ritrae il quotidiano della popolazione locale nelle montagne tirolesi.

Brunico si trova a 27 chilometri di distanza dall' hotel dei minerali di Naz.Ulteriori informazioni sulle attività citate le potrete trovare cliccando hier. Forniamo volentieri altre informazioni e consigli sulle località che si trovano nelle vicinanze.

Fotografia: Simon Bierwald
 

Top 6 meraviglie a Merano e nel circondario

  • la casa delle vecchie terme, è un' opera magistrale dell'arte Nouveau in onore degli illustri ospiti SPA del tempo. Info qui.
  • le terme di Merano, nella città storica termale sono state ideata dall'architetto sudtirolese Matteu Thun. Info qui.
  • i giardini di castel Trauttmansdorff, i giardini botanici sono stati designati come i più bei giardini d'Italia nel 2005. L'area comprende 12 ettari a forma di anfiteatro naturale e hanno un dislivello di 100 metri. Info qui.
  • castel Lebenberg, il meraviglioso castello del tredicesimo secolo impressiona sopratutto per il suo superbo panorama e per i suoi affrreschi medioevali.
  • castel Tirolo e il museo sudtirolese di storia e cultura, è probabilmente il castello più significativo e offre uno scorcio storico veritiero della Regione. Info qui.
  • castel Scena, racchiude una galleria di dipinti e ritratti, una camera delle armi e numerosi oggetti storici della storia del Tirolo. Info qui.

Merano si trova a 80 chilometri di distanza dall'hotel dei minerali di Naz.Offriamo volentieri ulteriori possibilità e offerte nelle vicinanze.

Fotografia: Lukas Laszlo